cerca
Dove
Emilia Romagna
Parma

PedalArt PARMA2020: PR11 Guareschi e la bassa parmense

Proposto da: FIAB Parma - Bicinsieme

Il percorso porta a scoprire il “Mondo piccolo”, mondo fatto di uomini, paesaggi, passioni e bicicletta.

“Dio mi faccia torto se io so di storia più di un cavallo da tiro, ma di una cosa sono ben sicuro: prima dell’avvento della bicicletta, la pianura padana non esisteva, né poteva esistere. Inventata la bicicletta, fu inventata la pianura padana”  Giovannino Guareschi

https://www.tourer.it/itinerari?id=1

 

Ritrovo e registrazione ore 8.30 Piazzale Dalla Chiesa (davanti alla Cicletteria), stazione dei treni di Parma; partenza ore 9.00

Si esce da Parma con la pista ciclabile sulla sponda sx della Parma verso Baganzola. Si prosegue per i Fontanili di Viarolo, Roncocampo Canneto e cicloTaro deviando al ponte sul Taro per andare a San Secondo (Rocca dei Rossi). Si prosegue passando vicino alla Pieve di S. Genesio, poi a sx e a dx passando dal B&B S. Genesio. Si prende a dx su Via Rovacchia e ci si immette sulla provinciale che passa per Carzeto e in 2 km si arriva ad una rotatoria. Si prende a dx e si arriva a Diolo (Km 32) (opzione: alla rotatoria si prende a sx e si prosegue per Soragna (Rocca Meli Lupi di Soragna), e Roncole Verdi, dove lo scrittore nel 1957 apri un’osteria, gestita poi dal figlio sino al 1995. Ora è sede del Club dei Ventitré, associazione per valorizzare le opere dello Scrittore e dove è conservato l’archivio di Guareschi  e allestita una mostra antologica permanente che documenta la sua vita e opere. La mostra è visitabile su appuntamento. E-mail: peppone@tin.it). A Roncole si trova anche la tomba di Giovannino Guareschi nel piccolo cimitero di Roncole vicino alla casa Natale di Giuseppe Verdi) .  Diolo è una piccola frazione dove nell’antica rocca campanaria in località Santa Caterina si trova il “Museo Boscaccio” che raccoglie documenti e cimeli riguardanti Guareschi e il suo “Mondo piccolo”. Il museo è visitabile su appuntamento.

Da Diolo (opzione: si prosegue per Ragazzola, CicloPo con vista sul Po e Roccabianca con la bella Rocca dei Rossi, visitabile, poi si prende strada Salde e si segue l’argine Taro che porta a Fontanelle) si torna sulla provinciale e poi subito a sx per strada Marra e strada Babilana si raggiunge Fontanelle di Roccabianca (14 Km) dove si trova la casa natale di Giovannino Guareschi ed è stato collocato il busto bronzeo di Giovanni Faraboli, presidente della Lega dei contadini di Fontanelle, che ispirò il personaggio di Peppone, e il museo “Il Mondo piccolo” allestito nella vecchia scuola elementare. Il museo racconta attraverso le figure di Guareschi e Faraboli la storia della Bassa parmense. Nel museo sono raccolte testimonianze che raccontano la situazione sociale delle campagne emiliane dalla fine dell’ottocento sino alla metà del secolo scorso.  Da Fontanelle per strade basse si ritorna verso S. Secondo, Viarolo, Baganzola e Parma.

 

La conoscenza di Guareschi può essere arricchita dalla visita a Brescello (25 km da Parma: Chiozzola-Sorbolo-Coenzo-Brescello, quasi tutto su piste ciclabili, Percorso del Mondo Piccolo-Don Camillo e Peppone, https://www.gpsies.com/map.do?fileId=ncufxhldzhdywqfg) dove si possono visitare i luoghi del film: le statue di don Camillo e Peppone, la chiesa di Santa Maria Nascente (2121) dove in una cappellina laterale si trova la statua del Cristo parlante. La casa di Peppone nella piazza(2202), sotto il portico è stata collocata la campana che cadde addosso al Sindaco, il carrarmato di Don Camillo e l’onorevole Peppone. A Brescello inoltre è presente il Museo “Brescello e Guareschi, il territorio e il cinema “ (2122) nel quale si raccontano eventi della storia reale del paese e degli abitanti di quel periodo, riletti in una chiave cinematografica .http://visitbrescello.it/. Si rientra a Parma per la stessa strada.

Km 71

https://www.gpsies.com/map.do?fileId=gqakexasdsjjzxpn

Registrazione: soci FIAB 3 euro (ass. infortuni+cartina PedalArt), non soci 5 euro (ass. infortuni+RC+ cartina PedalArt.

Casco consigliato, bici in ordine, camera d’aria di scorta.


IMPORTANTE: LA FIAB NON E' UNA AGENZIA VIAGGI. QUINDI TUTTI I PARTECIPANTI SONO CHIAMATI A CONTRIBUIRE ALLA BUONA RIUSCITA DELLA GITA RISPETTANDO LE REGOLE DEL CODICE DELLA STRADA E LE INDICAZIONI DEL CAPOGITA. CHI DECIDE DI ABBANDONARE IL GRUPPO DEVE AVVISARE IL CAPOGITA. LE COPERTURE ASSICURATIVE NON SARANNO PIU' VALIDE

 

 

Gita (1g) Da 60 a 80 km Facile